Accetto i cookies Il nostro sito utilizza cookie di tipo tecnico e cookie analitici di prima e terza parte Proseguendo la navigazione si accettano le impostazioni dei cookie impostate dal nostro sito. Potrà prendere visione della privacy policy estesa e seguendo le istruzioni sarà possibile modificare anche successivamente le scelte effettuate cliccando qui.

lo spazio al aperto come lusso

noa* (network of architecture) raffina gli spazi esterni del Hotel Johannis, ampliando le terrazze delle stanze e sciogliendo le confini tra architettura e natura nel piano terra.

...la trasformazione dell´ edificio risulta con ogni cambiamento del punto di vista, intensivato da una materialità variabile...
(Lukas Rungger)
L´hotel Johannis è situato in un´area verde a Tirolo (IT) in vicinanza di Merano, con uno sguardo ampio sulla valle dell´Adige. Nel 2015, all´impresa famigliare è stata data un nuovo profilo con una riformazione qualitativa di tutte le zone verdi. I balconi esistenti sono stati ampliati in tal modo che formino delle piatteforme con una profondità fina a 3,5 metri che possono essere utilizzati come soggiorni al aperto. Per creare un accesso diretto dal edificio principale alla piscina aperta è stato creato una connessione con forme organiche che creano un trapasso sensibile al parco dattorno.  

Il dialogo con il materiale

L’approccio funzionale del ampliamento delle terrazze delle camere era di dare il massimo di panorama possibile al ospite mentre non rinunciare alla privacy. Questo esercizio è stato risolto con una ringhiera ambivalente. Delle graticole di acciaio sono stati montati sul balcone di legno senza costruzione aggiuntiva e formano un bando omogeno. Il materiale che è usato soprattutto industrialmente in questo caso funziona come filtro con un po’ di reciprocità, il materiale si apre e si chiude con il cambiamento di perspettiva. I balzi delle terrazze variano con una profondità di 2,5 a 3,5 metri e sono ancora accentuati con graduazioni di colore.

Lo slancio nel verde

Ci si è cercato di approfittare dell’ambiguità del materiale anche net caso della connessione tra casa principale e piscina esterna. Il materiale scelto, il calcestruzzo faccia-vista forma delle area protette per il straio che confinano al parco. Per una fusione naturale della struttura costruita con il dintorno verde il calcestruzzo è di una forma curvata che incorpora le linee del terreno che con una pigmentazione riceva un aspetto terroso. Queste curve formano delle zone per dei outdoor lounge, spogliatoi e docce. La zona centrale è formato di un arco di 17 metri che è sfondato con una palma. Alla fine l’intervento risulta in un affiatamento di costruite e verde che sottolinea l’esclusività del parco.

Fatti & ciffre

  • luogo: Tirolo / Alto Adige (I)
  • compimento: marzo 2015
  • tipologia: design delle facciate e rinnovazione degli arredi esterni attorno la piscina
  • area: 460 m2 terazze, 300m2 Out-Door-Lounge
  • uso trasformato delli materiali come filtri ambivalenti
  • reazione organica degli edifici sul paesaggio
  • elaborazione dello spazio libero migliora l'esclusività del luogo